Polveri allergiche

In un ufficio con liquidi, liquidi, gas o vapori infiammabili e senza zone potenzialmente esplosive, è necessario preparare un documento completo chiamato valutazione del rischio di esplosione.Dovrebbe essere compito del datore di lavoro determinare le aree a rischio di esplosione.

Inoltre, in merito al paragrafo 37. 1. Ordinanza del Ministro dell'Interno e del Consiglio, del 7 giugno 2010, relativa alla protezione antincendio di edifici, altre strutture e aree dell'edificio (Journal of Laws 10.109.719, anche nei punti in cui e aree adiacenti, dove vengono prodotti, immagazzinati, immagazzinati o gli stessi materiali infiammabili in cui si possono vedere miscele che possono creare un'esplosione, viene effettuata la valutazione del pericolo di esplosione.In questa valutazione, è assolutamente necessario indicare le stanze potenzialmente esplosive. È necessario designare aree a rischio di esplosione appropriate in aree e spazi esterni. È necessario creare una documentazione grafica contenente la classificazione e i fattori che possono causare l'esplosione.

La valutazione del rischio di esplosione dovrebbe essere progettata in conformità con le norme europee applicabili, tra cui:• PN-EN 1127-1: 2011 "Atmosfere esplosive. Prevenzione del parabrezza e protezione dalle esplosioni.• PN-EN 60079-10-1: 2009 Atmosfere esplosive - Classificazione spaziale - Atmosfere esplosive di gas.• PN-EN 60079-10-2: 2009 Atmosfere esplosive.Classificazione dello spazio Atmosfere contenenti polvere combustibile,• Standard tecnico ST-IIG-0401: 2010 "Reti del gas. Valutazione e determinazione delle zone a rischio di esplosione.• PN-EN 6079-10-14 "Atmosfere esplosive - Progettazione, selezione e assemblaggio di impianti elettrici"• PN-EN 60079-20-1 "Atmosfere esplosive - Proprietà dei materiali riguardanti la classificazione di gas e vapori - Metodi di domanda e possibilità tabulari"• PN-EN 50272-3: 2007 "Requisiti di fiducia e conservazione delle batterie secondarie..