Materiale informativo per rischio di esplosione e incendio

Differenze significative negli atti giuridici relativi alla sicurezza nelle aree dell'Unione europea, in particolare nelle aree minacciate dall'esplosione di metano o polvere di carbone, hanno causato la loro decisione di ridurle creando una direttiva appropriata. Pertanto, la direttiva ATEX è stata creata come zone direttamente esposte all'esplosione.

Il nome di questo atto legale deriva dal francese che suona letteralmente AtmosphereExplosible. Il compito principale di queste informazioni era la più importante limitazione del rischio di esplosione di metano o polvere di carbone in aree pericolose. Nel contratto con il presente, il documento discusso è ampiamente associato sia con sistemi e dispositivi di protezione che sono utili in aree a rischio di esplosione. Discorso qui e su dispositivi elettrici.In conformità con le disposizioni legali della direttiva ATEX, il rischio di esplosione nei suddetti spazi può derivare dalla conservazione, produzione e uso di sostanze che possono essere causate da una presunta esplosione nell'effetto di legarsi con l'aria o da sole con un'altra sostanza. Nella direzione di queste basi si possono menzionare principalmente i liquidi infiammabili così come i loro vapori come alcoli, eteri e benzine. Inoltre, è possibile includere gas infiammabili come butano, propano, acetilene. Altre basi hanno avuto e fibre come polvere di stagno, polvere di alluminio, polvere di legno e polvere di carbone.Tuttavia, è impossibile descrivere tutto ciò che è in questo documento. Pertanto, quando si studia questo atto normativo in generale, si deve menzionare che definisce tutte le condizioni e le aspettative nell'area dei sistemi e degli accessori forniti in zone esplosive. Tuttavia, informazioni dettagliate possono essere ottenute in vari materiali. Va tenuto presente che altri materiali che regolano la gamma di zone esplosive con metano o polvere di carbone non possono essere in alcun modo incompatibili con il principio ATEX.Va inoltre ricordato che ogni dispositivo prelevato nelle aree a rischio deve essere ben contrassegnato con il marchio CE, il che significa che lo stesso ha richiesto una procedura di valutazione della conformità eseguita da un organismo notificato.

CalMax

La nuova direttiva sulle soluzioni (così definita dalla direttiva ATEX nel successo della non conformità dei dispositivi in aree esplosive indica che uno Stato membro può adottare misure per ritirare tali dispositivi.